Alfredo Vannacci

Alfredo Vannacci

Alfredo Vannacci è un medico farmacologo e tossicologo, Professore Associato di Farmacologia presso l’Università degli Studi di Firenze (Dipartimento di Neuroscienze, Area del Farmaco e Salute del Bambino). Oltre a svolgere da anni ricerca preclinica e clinica in Farmacologia, Farmacoepidemiologia e Farmacovigilanza, ha perfezionato le sue competenze di ricercatore e di clinico anche nel settore dell’Agopuntura, della Fitoterapia e della Medicina Tradizionale Cinese. Nel gennaio 2014 ha conseguito l’Abilitazione Scientifica Nazionale alle funzioni di Professore Universitario di seconda fascia per il settore concorsuale 05/G1 Farmacologia, Farmacologia Clinica e Farmacognosia. e nell’aprile 2018 quella alle funzioni di Professore Universitario di prima fascia. E’ stato responsabile scientifico dell’indirizzo Agopuntura e Medicina Tradizionale Cinese del Master in Medicina Naturale dell’Università di Firenze. I suoi interessi vanno dallo studio della sicurezza dei farmaci, dei vaccini e dei fitoterapici (Farmacoepidemiologia, Farmacovigilanza e Fitovigilanza) alle Medicine Non Convenzionali, con particolare riferimento alla ricerca preclinica e clinica e alla valutazione di efficacia e sicurezza di queste discipline. Si occupa anche di associazionismo e no-profit, in particolare nel settore delle gravidanze a rischio e della salute perinatale, per mezzo delle associazioni CiaoLapo onlus e matermundi, di cui è co-fondatore e vicepresidente.

Interessi e tematiche di ricerca

Le attività scientifiche del dott. Vannacci sono da sempre concentrate nel settore della Farmacologia (BIO14) in molteplici delle sue possibili declinazioni; in particolare soprattutto nella prima fase della sua carriera si è dedicato allo studio della Farmacologia Preclinica (effettuando ricerche soprattutto sulla farmacologia degli autacoidi), per dedicarsi successivamente in maniera preponderante alla Farmacologia Clinica e Farmacovigilanza. Negli ultimi anni si è interessato in particolare alla disciplina della Epidemiologia Clinica applicata alla Farmacologia e alla Farmacoterapia (cosiddetta FarmacoEpidemiologia), con particolare riferimento al settore Neuropsichiatrico e all’ambito Perinatale (inclusa la Tossicologia Perinatale). Durante tutto il corso della carriera accademica, un posto di particolare rilevanza nell’ambito delle tematiche di ricerca è stato sempre ricoperto dalle sostanze di origine naturale, che sono state indagate di volta in volta dal punto di vista epidemiologico, da quello clinico, da quello della ricerca di base, ma soprattutto in relazione alle loro problematiche di sicurezza e ai rischi di interazione con i farmaci convenzionali (Fitovigilanza).

Parametri bibliometrici

(agg. al 31.12.2017)